Accesso rapido:





Monferrato

Cultura e storia, tartufo e barbera

Il Monferrato, altopiano collinoso che comprende l'intera provincia di Asti e digrada, attraverso il Casalese, nella pianura di Alessandria, presenta, oltre a bellissimi paesaggi, un notevole patrimonio artistico e storico: è un susseguirsi di colli, valli, vigneti, prati e boschi punteggiati da borghi caratteristici, antiche chiese e castelli.

Il Monferrato è anche la patria di grandi vini - il Grignolino, la Freisa, il Barbera, il Moscato, il Malvasia e il Brachetto - e del tartufo.

In questa zona del Piemonte, il viaggio assume gli aspetti più vari: dimore di charme, terme, alberghi di lusso, castelli, spa oppure agriturismi familiari, bed and breakfast, cicloturismo, trekking, rafting, semplici passeggiate alla portata di tutta la famiglia. Storia, cultura, enogastronomia, mercatini, eventi e manifestazioni si intrecciano e rincorrono in ogni paese.

Il territorio è a misura d'uomo: una sola grande città, Asti, e oltre 100 comuni, la maggior parte con meno di 500 abitanti, questo angolo di Piemonte può essere visitato di borgo in borgo con l'auto, in bicicletta e anche a cavallo.

La storia è ovunque, a partire da Casale Monferrato, bellissima cittadina barocca, con uno dei monumenti più antichi della provincia di Alessandria, il Duomo romanico (secoli XII e XIII), che racchiude un bellissimo crocifisso del secolo XII e gli splendidi mosaici, resti del primitivo pavimento. Da vedere anche Castello dei Paleologi, la torre civica che svetta nel centro, e la cattedrale di Sant'Evasio.

Nei dintorni di Casale, Conzano, Solonghello, Rosignano sono alcuni esempi di borghi caratteristici, dove il tempo sembra essersi fermato. Terrugia, insediamento romano, Ozzano, con il suo castello, Treville con la Pieve di S. Quirico, meta della Via Francigena, Moleto, antico borgo saraceno, ogni paese ha qualcosa da offrire al turista.

Muovendosi verso il capoluogo Asti, meritano una sosta: Moncalvo, ricco di palazzi e chiese da visitare, Murisengo sede della famosa Fiera del tartufo e Montechiaro d'Asti con la romanica pieve di S.S. Nazario e Celsio.
A Madonnina di Serralunga, vicino a Moncalvo, si può salire al Sacro Monte di Crea Parco Naturale Regionale con il suo Santuario, iscritto nel Patrimonio mondiale Unesco.

Scendendo verso la langa, troviamo il borgo medioevale di Calosso, Castagnole Lanze, con la barocca Parrocchiale di S. Pietro, Coazzolo e Costigliole d'Asti, con il suo maestoso castello.
E infine, Canelli, polo enologico internazionale caratterizzato dalle "Cattedrali sotterranee”, cantine, patrimonio Unesco, scavate nel tufo.

I Castelli del Monferrato
Uno degli aspetti più spettacolari del monferrato sono i suoi numerosi castelli, sorti in epoca feudale come strutture difensive durante le continue lotte fra comuni.

Castello dei Paleologi -  Casale Monferrato
il Castello dei Paleologi, l'antico maniero dei Gonzaga. Tracce di una struttura difensiva sul luogo dell'attuale forte si riscontrano già attorno al Mille. A metà del Secolo XIV fu il marchese Giovanni II Paleologo che edificò il castello, in seguito ampliato da Guglielmo VIII Paleologo e Bonifacio V. A metà del XVI Secolo passato ai Gonzaga, venne accentuato il carattere difensivo ampliando le fortificazioni, poi distrutte dopo circa un secolo. Il castello tuttavia resta inalterato.

Castello di Camino
Dieci chilometri a nord di Casale, il più bello e imponente fra tutti i castelli della zona, domina dall'alto della sua torre un vastissimo panorama sul Monferrato e sulla Valle del Po.

Castello di Gabiano
Percorrendo la strada panoramica che da Camino porta a Gabiano, si staglia a picco sul Po l'imponente castello di Gabiano: edificato in origine da Aleramo, marchese del monferrato, subì diverse distruzioni e ricostruzioni nel corso dei secoli, ma conserva intatto il suo fascino medioevale.

Castello di San Giorgio Monferrato
Uno dei più antichi castelli della zona, risalente al X secolo e ristrutturato più volte, presenta un lato interamente barocco e la facciata neogotica. è possibile dormire dentro il castello.

Altri castelli si trovano a Portocomaro, Castell’Alfero, Montiglio Monferrato, Piea, Cisterna d’Asti, Cortanze, Verrua Savoia, Cereseto, Prasco, Moasca, Tagliolo.

Cucina
Oltre ai piatti a base di tartufo, la cucina del monferrato presenta alcune specialità:  la bagna cauda, intingolo a base di olio, aglio e acciughe, da gustare con verdure crude, la battuta al coltello della tipica razza bovina piemontese (carne cruda tagliata finemente con il coltello e condita con soli olio, sale e limone), le acciughe al verde,  il bagnet, tipica salsa verde da accompagnare ai bolliti,  la paniscia e la cisrà, a base di riso e di ceci, i crumiri, biscotti tipici di Casale Monferrato, dalla forma curva in onore dei baffi del re.
 
I grandi vini DOC e DOCG
 
Vini Rossi:
  • Barbera d'Asti
  • Barbera del Monferrato
  • Dolcetto d'Acqui
  • Dolcetto d'Ovada
  • Grignolino d'Asti
  • Grignolino del Monferrato Casalese
  • Rubino di Cantavenna
  • Ruché di Castagnole Monferrato
  • Freisa d'Asti
Vini spumante o da dessert:
  • Asti spumante
  • Brachetto d'Acqui
  • Malvasia di Casorzo
  • Malvasia di Castelnuovo Don Bosco
  • Moscato d'Asti
Vini bianchi:
  • Cortese di Gavi
 
Eventi
Assedio di Canelli (19-20 giugno di ogni anno): rievocazione storica dell'assedio subito nel 1613, durante il periodo delle guerre di successione per il Ducato del Monferrato. Oltre mille figuranti di tutto il paese, si danno battaglia sul campo coinvolgendo anche il pubblico.
 
Festa del Vino (settembre) a Casale Monferrato
 
Cantine Aperte (maggio)
 
Castelli Aperti (aprile-settembre): apertura al pubblico di decine di castelli, forti, palazzi storici, ville signorili, tenute di caccia, parchi e giardini, raccolte d’arte e musei.
 
Golosaria (marzo) Casale Monferrato: rassegna enogastronomica con oltre 200 prodotti tipici del Monferrato.
Stampa questa pagina (Monferrato) Si aprirà  una nuova finestra. Richiedi informazioni (Monferrato).

Share this page:

Ricerca offerte

Collabora con noi Inserisci la tua struttura